Domenica 13 dicembre 2015 | ore 17.30
Salone parrocchiale, Via S. Bernardino 13, Torino
Presentazione del libro:
“San Bernardino.
La parrocchia di Borgo San Paolo,
quartiere operaio di Torino”

Locandina_cop

La Parrocchia S. Bernardino da Siena in Torino
e le Edizioni del Capricorno
invitano alla presentazione del libro
di Roberto Bamberga

“San Bernardino.
La parrocchia di Borgo San Paolo, quartiere operaio di Torino”
 

Interverranno:

☆  padre Francesco Pasero
“Fare memoria del passato per progettare il futuro: la sfida della storia per la comunità di San Bernardino”

Sergio Donna
“Gli inizi: Borgo San Paolo nei primi anni del Novecento”

Marialuce Reyneri di Lagnasco
“La chiesa di San Bernardino nei progetti originari dell’architetto Giuseppe Gallo”

Diego Novelli
“L’eredità e i valori di San Paolo borgo operaio”

Roberto Bamberga
“La redazione del libro sulla parrocchia di San Bernardino:
linee portanti di un cammino emerse nella ricerca torica”

Stacchi musicali dello chansonnier Beppe Novajra

A cent’anni dall’elevazione della parrocchia, questo libro ripercorre gli eventi di San Bernardino, una storia intrecciata con quella della città di Torino e con la grande storia nazionale.

Un racconto che si snoda tra eventi e personaggi: dall’incendio del 1917 alla dittatura fascista, dall’Azione cattolica agli anni di piombo, arrivando fino ai nostri giorni; una storia raccontata grazie alle memorie dei protagonisti e ai documenti della comunità parrocchiale.

Ma non solo: il libro ricostruisce anche la storia dei rapporti tra la parrocchia e Borgo San Paolo, in una galassia di attività e associazioni che hanno consacrato San Bernardino come uno dei punti nodali della vita del quartiere.

Realizzato unendo importanti testi a documenti conservati nell’archivio parrocchiale e a materiale inedito (testi, interviste), il libro riannoda la storia della parrocchia e dei suoi parrocchiani in un continuum tra società, costumi e credenze religiose che arricchiscono ulteriormente il quadro della particolare identità di Borgo San Paolo.

Roberto Bamberga (Invorio, Novara, 1984) laureato in filosofia all’Università di Torino, diplomato al Master in Progettazione editoriale dell’Istituto Europeo di Design di Torino e torinese di adozione, collabora con alcuni blog storici e filosofici. Per Edizioni del Capricorno ha pubblicato il volume Grande Torino. Storia fotografica di un mito (2014).

Domenica 13 dicembre, nel Salone Parrocchiale del Convento francescano di San Bernardino, è stato presentato il volume “SAN BERNARDINO | La Parrocchia di Borgo San Paolo, quartiere operaio di Torino”, di Roberto Bamberga, ediz. del Capricorno, Torino, 2015.
Al tavolo dei relatori, oltre all’Autore, Roberto Bamberga, sono intervenuti Padre Francesco Pasero, che ha collaborato alla stesura del libro, l’ex sindaco Diego Novelli, l’architetto Marialuce Reyneri di Lagnasco, e lo scrittore sanpaolino Sergio Donna.
Gli interventi dei relatori sono stati intercalati dagli stacchi musicali del cantautore piemontese Beppe Novajra, che ha proposto brani rievocativi della storia novecentesca del Quartiere.
Gli onori di casa sono stati fatti dal Parroco di San Bernardino, Padre Fedele Pradella.
Tra gli illustri ospiti, il vice Sindaco della Città di Torino, Elide Tisi, il Presidente della Circoscrizione 3, Francesco Daniele, il consigliere comunale Michele Paolino, il consigliere circoscrizionale Alberto Pilloni, ed altri ancora.
Roberto Bamberga, l’autore del volume, è stato introdotto dal dott. Walter Martini, in rappresentanza della Casa Editrice Ediz. del Capricorno.
Bamberga ha spiegato come per la stesura del volume siano state fondamentali le testimonianze storiche dei residenti, le ricerche precedentemente svolte da altri storici e scrittori, ma soprattutto i preziosi documenti conservati nell’archivio della Parrocchia. “Scrivere il libro – ha sottolineato l’Autore – è stato come fare un carotaggio nella storia, e ripercorrere tutte le stratificazioni storiche che hanno cristallizzato tutti gli eventi fondamentali della storia del quartiere e della Nazione”.
Interessante anche l’intervento dell’Architetto Reyneri (che ha condotto i più recenti interventi di rinnovamento e riattamento della struttura della Chiesa) che ha commentato i progetti originali dell’ingegnere-architetto Francesco Gallo, cui si deve l’edificazione di San Bernardino, del campanile, e del Convento, e che ne curò la ricostruzione dopo il tragico incendio del 1917.
Nel suo intervento introduttivo, padre Francesco Pasero, ha rimarcato come “fare memoria del passato sia la base per progettare il futuro: San Bernardino ha colto la sfida della storia per confrontarsi con la realtà circostante, dimostrandosi in ogni in ogni contesto storico e sociale non come un fortino, ma come una comunità aperta, capace di aggiornarsi e di farsi coinvolgere dalla dinamica dei tempi”.
L’ex sindaco Diego Novelli ha fornito la sua preziosa testimonianza storica degli anni che precedettero la fatale dichiarazione di guerra del 1942 da parte di Mussolini, che lasciò sgomenti gli abitanti del quartiere, nonché quelli della resistenza e della liberazione, con aneddoti e ricordi personali.
Sergio Donna, dal canto suo, ha rievocato con alcune letture lo stile di vita dei sanpaolini negli anni di fine Ottocento in concomitanza con la costruzione della Chiesa, iniziata nel 1891, nonché quello dei primi anni del Novecento, in cui la Chiesa di San Bernardino si accingeva a diventare Parrocchia, staccandosi definitivamente dalle dipendenze dalla Chiesa di Pozzo Strada.

(Ufficio Stampa Ass. Monginevro Cultura)

GALLERY DELLA PRESENTAZIONE

Powered by WordPress | Deadline Theme customized by Just Bolder