Andora (Sv)
Presentazione del romanzo “LO SCUDETTO REVOCATO” di Sergio Donna
1. Parco degli Aviatori, Sotto l’Archetto della Piazzetta Santa Rita
Mercoledì 25 Luglio 2018, ore 21.15
2. Passeggiata di Ponente, Rotonda Delos, un angolo di Grecia in Liguria Giovedì 9 agosto 2018, 0re 19.00

locandina-mccomune-di-andora_sotto-larchetto-2018

Ad Andora (Sv)

Presentazione del romanzo “LO SCUDETTO REVOCATO” di Sergio Donna

1. Parco degli Aviatori, Sotto l’Archetto della Piazzetta Santa Rita
Mercoledì 25 Luglio 2018, ore 21.15

2. Passeggiata di Ponente, Rotonda Delos, un angolo di Grecia in Liguria Giovedì 9 agosto 2018, 0re 19.00

Ingresso libero

di Sergio Donna
Presenta l’Autore: Cristiano Bosco

“Lo Scudetto revocato” di Sergio Donna sarà presentato ad Andora (Sv) nell’ambito del prestigioso tradizionale palinsesto di Appuntamenti culturali “Sotto l’Archetto”, che ogni mercoledì sera, per tutta la stagione estiva andorese, si tiene ormai da diverse stagioni nel Parco degli Aviatori (adiacente alla Piazzetta Santa Rita) a pochi passi dal mare, all’aperto, in un contesto molto suggestivo, con la conduzione del giornalista ligure Cristiano Bosco.

Sergio Donna, presenterà il suo libro nella ridente località turistica del Ponente Ligure, il prossimo Mercoledì 25 Luglio 2018, ore 21.15 e Giovedì 9 agosto, ore 19.

Continua infatti il tour di presentazioni dell’ultimo suo romanzo “Lo Scudetto revocato”, dedicato alle imprese di quel Torino Football Club che nel secondo quinquennio degli Anni Venti conquistò due scudetti consecutivi e sfiorò il terzo titolo nel 1929.

Peccato che il regime fascista dell’epoca, non certo benevolo con la squadra granata, abbia fatto di tutto per ostacolarne il cammino, arrivando a revocare il primo scudetto del Torino, conquistato meritatamente sul campo nel campionato 1926-1927.

Il libro di Sergio Donna è un romanzo di costume che rievoca il clima politico di quegli anni e ricostruisce con sorprendente incanto l’atmosfera torinese dell’epoca.

Fanno da sfondo le partite del Torino al Filadelfia e le imprese dei suoi campioni e, in particolare, dello strepitoso trio delle meraviglie, formato da Julio Libonatti, Gino Rossetti e Adolfo Baloncieri.

(Uff. Stampa Monginevro Cultura)

1. “Sotto l’Archetto” di Piazza Santa Rita

Con la garbata conduzione del giornalista Luca Valentini il 25 Luglio 2018, s’è tenuto il quarto appuntamento del mese di luglio dei Mercoledì “Sotto l’Archetto>”,(Incontri Letterari dell’Estate Andorese),di cui è direttore artistico il giornalista ligure Cristiano Bosco.

Ospite della serata, lo scrittore torinese Sergio Donna, che ha amabilmente dialogato col conduttore sul tema trattato nel suo ultimo intrigante romanzo, presentato in prima assoluta in Liguria: “Lo scudetto revocato”. Si tratta di una storia romanzata ispirata al presunto illecito sportivo che portò alla revoca del primo scudetto conquistato sul campo dal Torino FC, vincitore del Campionato di calcio 1926-1927, a causa delle arroganti ingerenze del regime fascista, che invece parteggiava per il Bologna.
In rappresentanza del Comune di Andora, a far gli onori di casa allo scrittore torinese, è intervenuto l’assessore al Turismo e allo Sport Paolo Rossi.
Il folto pubblico, che ha occupato tutti i posti dell’Anfiteatro dei Giardini degli Aviatori, ha applaudito le avvincenti letture tratte dal libro.
Una bella serata di cultura e di storia dello sport, che consolida il successo della bella rassegna letteraria estiva andorese.
Per info sul libro scrivere a: segreteria@monginevrocultura.net

2. Dal Mississippi alla Scozia, e dalla Liguria alla Grecia.
Una seconda presentazione nella Riviera Ligure nel corso dell’estate 2018, si è tentuta il 9 Agosto sulla Passeggiata di Ponente di Andora, sulla rotonda del Chiosco Delos, un suggestivo angolo di Grecia che non t’aspetti in Liguria.
Con Sergio Donna, scrittore, e Giorgio Osti, mandolinista. Un viaggio nello spazio e nel tempo sulle ali della musica e della poesia per rivivere l’epopea del Torino delle Meraviglie degli Anni Venti del Novecento. Nulla di più suggestivo di una rotonda sul mare, con un cielo che da Levante a Ponente – dopo un fortunale – è attraversato dall’arcobaleno, per accogliere una jam session di musica blues e blue grass e di letture di poesie e di brani di un romanzo a tinte granata. Lo rotonda sul mare è quella del golfo di Andora, nell’estremo lembo della passeggiata di Ponente che si protende verso il Capo Mimosa, dove è posizionato il dehors del chiosco Delos, un angolo di Grecia incastrato sulle sponde andoresi. Protagonisti del recital, il musicista Giorgio Osti, virtuoso del mandolino (ma anche del banjo e della chitarra), ed uno scrittore e poeta, Sergio Donna, entrambi torinesi. Una strana coppia, nata da un incontro fortuito proprio sul litorale di Andora, e fortemente voluta dalla sig.ra Joanna, che gestisce il chiosco Delos, e che avvalendosi della collaborazione di un’équipe di simpatici coadiutori, sa accogliere ogni avventore con un sorriso di cui è impossibile resistere al fascino, e proporre specialità gastronomiche e di pasticceria greca capaci di sedurre il più parco dei clienti. Una strana coppia, dunque: due artisti diversi che sul registro della musica blue country e del blues da una parte, e della poesia e della prosa declamata dall’altra, hanno trovano una complementarietà sorprendente, al punto di dar vita a uno piacevolissimo spettacolo garbato, avvincente e variegato. Il tema erano le Note e la Poesia “granata”. Granata perché molte letture erano tratte dal romanzo di Sergio Donna “Lo scudetto revocato”, quello del campionato 1926/1927, rapinato al Torino FC da un regime fascista la cui ingerenza sul campionato sportivo è stata a dir poco arrogante e senza scrupoli. Ma il termine “granata” – ha spiegato Sergio Donna – era da intendersi soprattutto come colore allegorico delle parole e delle note dei due protagonisti, che sgorgando direttamente dal cuore, ne hanno assunto – appunto – quel particolare colore intenso e sanguigno. Davvero piacevole l’ascolto dei brani musicali di Giorgio Osti, artista ipovedente, che maneggia il mandolino come se fosse una protesi delle proprie braccia, accarezzandone le corde con la delicatezza di un alito di zefiro: le musicalità blue grass, contaminate da suoni e influenze tonali irlandesi, scozzese ed inglesi, ci hanno fatto respirare atmosfere e paesaggi d’Irlanda e del Mississipi, ed hanno fanno da contraltare alle delicate poesie di Sergio Donna, ispirate al mare e ai cieli di Liguria, e agli scenari torinesi degli ultimi Anni Venti del Novecento, nei quali si dipana la agile trama del suo romanzo, tra goleade granata sul prato del neo costruito Filadelfia, e vittoriose trasferte sui campi dell’Internazionale e della Sampierdarenese, sulla spinta delle imprese calcistiche del trio delle Meraviglie, composto da Baloncieri, Rossetti e Libonatti. Una serata che ha lasciato il segno e che conferma come l’incontro della musica e della poesia d’Autore è sempre foriero di un valore aggiunto di qualità e fascino. Tra gli ospiti è intervenuto il poeta ligure Maurizio Donte, che ha recitato un sonetto tratto dal suo “Canzoniere”. (Ufficio Stampa Ass. Monginevro Cultura) 9 Agosto 2018

FOTOGALLERY 25 luglio 2018

FOTOGALLERY 9 agosto 2018

Powered by WordPress | Deadline Theme customized by Just Bolder