Martedì 10 Dicembre 2019
Archivio Storico della Città di Torino
Via Barbaroux 32, Torino | ore 15.00
CHIESE, CAMPANILI & CAMPANE DI TORINO

locandina-archivio-storico-10-12-2019-1

Archivio Storico della Città di Torino

Via Barbaroux 32, Torino | ore 15.00

CHIESE, CAMPANILI & CAMPANE DI TORINO

di Sergio Donna, Francesco Albano, Luigia Casati, Raffaello Emaldi, Achille Maria Giachino, Milo Julini, Anna Perrini
Fotografie di Carla Colombo, Vittorio Greco, Beppe Lachello
Spartiti di Beppe Novajra<
Presentazione di Massimo Centini

Archivio Storico della Città di Torino, Via Barbaroux 32, Torino | ore 15.00

Ingresso Libero

Presentazione del libro

CHIESE, CAMPANILI & CAMPANE DI TORINO

di Sergio Donna, Francesco Albano, Luigia Casati, Raffaello Emaldi, Achille Maria Giachino, Milo Julini, Anna Perrini
Fotografie di Carla Colombo, Vittorio Greco, Beppe Lachello
Spartiti di Beppe Novajra
Presentazione di Massimo Centini

Nella splendida cornice della Sala Conferenze dell’Archivio Storico della Città di Torino, Martedì 10 Dicembre, alle ore 15.00 verrà presentato il libro Chiese
Più che una monografia, più che un libro storico-fotografico:
“Chiese, Campanili e & Campane di Torino” è un compendio di anedotti, di curiosità, di immagini, di spigolature e di episodi storici, attraverso i quali un gruppo di autorevoli ricercatori storici, giornalisti e scrittori, coordinato da Sergio Donna, ha ricostruito la storia della città e del suo patrimonio artistico-religioso, prendendo spunto dalle oltre cento chiese e dai loro campanili che svettano sul panorama cittadino, stagliandosi sull’incomparabile arco alpino che circonda il capoluogo sabaudo.

Un libro che svela la storia delle chiese di Torino, e mette in luce la ricchezza e la preziosità delle centinaia di capolavori artistici in esse custoditi. Una guida preziosa per i torinesi e per i turisti.

Un libro tutto da leggere e da sfogliare, un libro che non può mancare nelle librerie di ogni famiglia.

Per info e prenotazioni, scrivere a:

segreteria@monginevrocultura.net

PRESENTAZIONE

Presentare un’opera articolata come questa è un’operazione complessa, soprattutto tenendo conto che alcuni degli autori sono amici di lunga data, di cui conosco il valore e l’autorevolezza. Questo bel libro si presenta da solo ed è soprattutto un atto d’amore per Torino, una città così colma di storia e di arte che, anche in ragione del carattere dei suoi abitanti, ha sempre preferito non ostentare, scegliendo posizioni secondarie, secondo la regola tutta torinese: esageroma nen!

Il tema scelto e soprattutto il suo sviluppo, abilmente amalgamato come si evince dal titolo del libro, ci offrono l’occasione per conoscere una parte rilevante dell’architettura e dell’arte sacra torinese, suggerendo piste di lettura originali, sempre rigorose, e che non virano mai in direzione della retorica.

Ogni singolo monumento non è solo oggetto di descrizione secondo i canoni consueti, ma anche humus fertilissimo nel quale far rivivere storie e personaggi, in qualche caso meno noti, in altri dimenticati. Siamo al cospetto di un panorama ricchissimo, utile certo per il turista, ma anche per i torinesi, a cui spesso sfuggono piccole e grandi perle di storia e di cultura, adagiate proprio accanto ai percorsi affrontati nella nostra quotidianità.

Non si può quindi non essere grati a questo gruppo nutrito di autori che, prima di essere instancabili ricercatori e appassionati narratori (con le parole e con le immagini) della nostra città, sono soprattutto delle persone che amano Torino.

Sono certo che questo volume, costato tanto lavoro e costruito soprattutto con la passione di tutti, sarà uno strumento prezioso per chi intende saperne di più, scoprire cose nuove, ritrovare una tradizione, conoscere fatti e persone che meritano di essere ricordati, avendo come focus monumenti dell’architettura e dell’arte connessi alla religione e alla storia. Il riferimento al sacro non è un fine, ma un mezzo per offrire una visione allargata che si apre in direzione di più ambiti e periodi, confermando, se mai ce ne fosse bisogno, quante cose belle e importati custodisce questa nostra amata Torino.

Massimo Centini
Docente e scrittore

Powered by WordPress | Deadline Theme customized by Just Bolder