Sabato 11 aprile 2015, ore 20.45
E la Poesia diventa Canzone e… incontra l’Arte
Teatro Principessa Isabella,
Via Verolengo 212, Torino
(In collaborazione con il Centro Studi Cultura & Società)

e LA POESIA DIVENTA CANZONE 4 MUSICISTI - Copia

  “E LA POESIA DIVENTA CANZONE”
…e incontra l’arte

 (IN COLLABORAZIONE CON IL
CENTRO STUDI CULTURA & SOCIETÀ)

Spettacolo teatrale | Reading poetico-musicale

Ingresso libero | Solo con prenotazione obbligatoria con mail a: cultsoc@fastwebnet.it fino ad esaurimento dei posti in sala

 

Centro Studi Cultura & Società

Un Progetto congiunto di Monginevro Cultura e del Centro Studi Cultura & Società,

con il Patrocinio della Città di Torino (Circoscrizioni 3 e 5)

Un vero e proprio Spettacolo teatrale di Poesia e Canzoni, impreziosito da interpretazioni di danza e coreografie, che accompagneranno le letture delle poesie e le esecuzioni dei brani.

Protagonisti della serata venti poeti e quattro musicisti compositori, che hanno musicato venti loro poesie, e diciassette pittori che ispirandosi alle liriche e alle canzoni, hanno realizzato venti opere.

 

E LA POESIA DIVENTA CANZONE… E INCONTRA L’ARTE

Recital | Reading musicale

nella splendida cornice del Teatro Principessa Isabella

Via Verolengo 212, Torino

Sabato 11 aprile 2015 | ore 20.45

Musiche di

Renata BolognesiFranco NervoBeppe Novajra  • Luca Zoccolan

 Poesie di

Piero Abrate (musica di Renata Bolognesi)Alessandro Bertolino (musica di Beppe Novajra)
Giorgia Catalano (musica di Renata Bolognesi)Vincenzo Cirneco (musica di Luca Zoccolan)
Cristina Codazza (musica di Beppe Novajra)Donato De Palma (musica di Beppe Novajra)
Doriana De Vecchi (musica di Luca Zoccolan)Sergio Donna (musica di Beppe Novajra)
Paulette Ducrè (musica di Beppe Novajra)Stefano Frau (musica di Franco Nervo)
Bruno Giovetti (musica di Beppe Novajra)Fabrizio Legger (musica di Luca Zoccolan)
Cristina Maranzana (musica di Franco Nervo)Pina Meloni (musica di Renata Bolognesi)
Roberta Ottaviani (musica di Beppe Novajra)Mario Parodi (musica di Franco Nervo)
Ivana Posti (musica di Beppe Novajra)Danilo Tacchino (musica di Franco Nervo)
Danilo Torrito (musica di Beppe Novajra)Daniela Zinetti (musica di Renata Bolognesi)

Coreografie di

 Dorella Gigliotti y Olivier Plume Fontaine

Opere di

 Egidio Albanese Plauso Livio Battistini
Barbara Bonomo Teresa Caputo
Adolfo Damasio Mario Dettoni Gianfranco Eddone
Silvana Gatti  Dorella Gigliotti Samira Hosseinzadeh
Raffaella Pasquali  Carla Perona Nicolina Pollastro
Maurizio Rinaldo Raffaella Spada

Presentano

Carla Colombo e Umberto Druschovic

Spettacolo teatrale di Poesia, Arte e Canzoni, evoluzione di un progetto di Monginevro Cultura che – dopo alcune rappresentazioni di successo, alle quali avevano partecipato una cerchia più ristretta di alcuni musicisti e poeti – in partnership con Cultura e Società, è arrivato a coinvolgere un gruppo di venti poeti e quattro musicisti compositori, che hanno musicato venti loro poesie, e quindici pittori, che hanno realizzato venti opere ispirate alle poesie.

Si tratta dunque di un recital in forma di reading musicale, nel corso del quale le letture di 20 poesie si alternano all’esecuzione di altrettante canzoni da parte dei musicisti compositori dei brani ispirati alle liriche. Ma il teatro diventa anche Pinacoteca e Mostra d’arte: i 20 quadri saranno esposti su cavalletto in platea.

 La serata vuol dimostrare che la Poesia, riletta in chiave musicale, secondo un percorso di evoluzione che passa dalle parole alla melodia e al canto (che presuppone un lavoro di immedesimazione, di interpretazione e di esegesi attenta ed intima delle intenzioni e dell’animo del Poeta da parte del compositore), può rappresentare non solo un ulteriore valore aggiunto in termini di comunicazione e di immediatezza per chi la ascolta, ma può costituire un contributo di forte gratificazione e di appagamento interiore per lo stesso autore della lirica. Il Poeta, infatti, riascolta “se stesso” con accenti e suoni inusuali, come riflesso nello specchio della raffinata sensibilità musicale che solo un compositore o uno chansonnier di classe può rivelare.

 

«Con il recitalE la Poesia diventa Canzone… e incontra l’Arte, si conclude, ancora di fronte al pubblico di un accogliente teatro, un emozionante, avventuroso e stupefacente viaggio: quello che ci svela come possano essere straordinari, arricchenti e variegati i frutti del processo creativo, comunque essi siano espressi, e come possano armonicamente integrarsi tra loro.

 Poteva sembrare ambizioso (e persino irrealizzabile) il progetto di coinvolgere un gruppo di venti poeti, quattro musicisti, e diciassette artisti, per realizzare una serata di Poesia, Canzoni ed Arte.

 Eppure, il Centro Studi Cultura e Società e l’Associazione Monginevro Cultura, due Associazioni culturali torinesi molto attive sul territorio, con un percorso creativo congiunto e sinergico durato quasi un anno, non solo sono riuscite nell’intento, ma di spettacoli ne hanno addirittura realizzati due.

La prima performance, dal titolo Neuv fòra dla cavagna, frutto di un’intuizione del compositore Beppe Novajra, si è tenuta il 18 novembre 2014, al Teatro Principessa Isabella di Torino, ed ha visto l’esordio sul palcoscenico dei primi nove poeti, con grande successo.

 Se con la prima tappa, la Poesia era diventata Canzone, con la seconda, si è fatto in modo che essa potesse anche incontrare l’Arte: di qui, il titolo dello spettacolo finale (in cartellone ancora al Teatro Isabella l’11 aprile 2015): E la Poesia diventa Canzone… e incontra l’Arte.

 Obiettivo del progetto completo era infatti quello di dimostrare come La Poesia, quando risuoni di musicalità e di originalità, possa ispirare un compositore a trarne una canzone, un artista a realizzare un’opera d’arte, e in certi casi, persino suggerire apposite coreografie di danza.

 Ma nella tappa conclusiva, come s’è detto, si realizza anche la seconda metamorfosi: la Poesia, diventata Canzone, si evolve ulteriormente, facendosi opera d’Arte: nel teatro sono stati infatti esposti i venti quadri ispirati alle venti poesie declamate e musicate, realizzati da diciassette artisti.

 È la sublimazione della Poesia (e della Canzone), che  ̶  già espressa con il linguaggio delle rime e delle note ̶ diventa immagine materica, sotto forma di dipinti dai colori accesi o sfumati, a seconda della sensibilità dell’artista che l’ha interpretata e ne ha subito le suggestioni. Il pennello dona una veste pittorica ai versi dei poeti e alle melodie musicali, facendo così rinascere la Poesia e la Canzone in una nuova dimensione artistica, quella dell’Arte figurativa».

Sergio Donna
Presidente Ass. Monginevro Cultura

Ernesto Vidotto
Coordinatore Centro Studi Cultura e Società

 

E la poesia è diventata canzone e… ha abbracciato l’Arte

 

Emozioni, emozioni, ed ancora emozioni al Teatro Isabella per lo spettacolo “E la Poesia diventa Canzone e… incontra l’Arte” di sabato sera 11 aprile 2015.
Una data magica, attesa con trepidazione da 20 poeti (Piero Abrate, Alessandro Bertolino, Giorgia Catalano, Vincenzo Cirneco, Cristina Codazza, Donato De Palma, Doriana De Vecchi , Sergio Donna, Paulette Ducré, Stefano Frau, Bruno Giovetti, Fabrizio Legger, Cristina Maranzana, Pina Meloni, Roberta Ottaviani, Mario Parodi, Ivana Posti, Danilo Tacchino, Danilo Torrito, Daniela Zinetti); 8 musicisti (Renata Bolognesi, con Marcello Lavezzo e Mario Crivello; Beppe Novajra; Franco Nervo con Donata Guerci; Luca Zoccolan con Gianfranco Bertolotto), 15 pittori (Egidio Albanese, Plauso Nivo Battistini, Barbara Bonomo, Teresa Caputo, Adolfo Damasio, Mario Dettoni, Gianfranco Eddone, Silvana Gatti, Dorella Gigliotti, Samira Hosseinzadeh, Raffaella Pasquali, Carla Perona, Nicolina Possatro, Maurizio Rinaudo, Raffaella Spada), 2 maestri di tango argentino (Dorella Gigliotti e Olivier Plume Fontaine), e 2 disinvolti conduttori (Umberto Druschovic e Cristina Codazza) che si sono alternati sulla ribalta del raccolto e accogliente Teatro di Via Verolengo, a Torino.
Una lettura tridimensionale delle emozioni di tanti cuori, in chiave poetica, musicale e artistica, per “confezionare” una serata di classe, con l’intento di stupire e per ammaliare: proprio come era nelle aspettative di un pubblico attento, competente, critico, ma soprattutto entusiasta e divertito, e che ha gremito completamente la sala, applaudendo a più riprese.
Uno spettacolo sorprendente che ha unito, sul fil rouge della Musica e della Danza, la Poesia alla Canzone, e la Canzone all’Arte.
Merito di tutti gli artisti (quasi cinquanta!) e merito di chi ha saputo concepire e realizzare questo progetto, che poteva sembrare ambizioso e persino utopico, e che invece è diventato realtà concreta, grazie al clima coeso e collaborativo che ha legato tra loro tutti i protagonisti, nonchè alla caparbietà, alla determinazione e alla meticolosa professionalità degli organizzatori: le Associazioni Cultura & Società e Monginevro Cultura.
Lo spettacolo, completamente gratuito, è stato patrocinato, per i suoi alti connotati culturali e artistici, dalla Città di Torino (Circoscrizioni 5 e 3).

La gallery fotografica della serata

Powered by WordPress | Deadline Theme customized by Just Bolder